Renna

Renna (Rangifer tarandus) è un membro della famiglia dei cervi, vive nelle regioni artiche e alpine del Nord Europa, Nord America, Groenlandia e Asia. Nel Nord America sono chiamati caribù (alcune fonti affermano che sono differenti, ma animali strettamente imparentati). deriva dal vecchio norvegese “hreinin”, che significa “animale cornuto”. Caribou si basa sulla parola francese per “mestolone”, in riferimento all’abitudine dell’animale di scavare nella neve per il cibo. La renna storicamente faceva parte del Pleistocene megafauna. Ci sono due varietà, o ecotipi: renne della tundra e renne della foresta (o dei boschi), molto meno numerose.

Le renne hanno molti tratti distintivi e unici, molti dei quali sono adattati alle dure condizioni del nord.

Sia i maschi che le femmine crescono le corna. Sono gli unici mammiferi in grado di vedere la luce ultravioletta. Inoltre, gli occhi di renna si adattano. Il loro tapetum – la parte dell’occhio dietro l’iride – cambia colore dall’oro in estate al blu in inverno. Si dice che il latte di renna sia il latte più ricco e nutriente prodotto da qualsiasi mammifero terrestre. Ha un impressionante 22% di grasso di burro. Durante l’inverno i peli del viso di una renna crescono molto a lungo fino alle labbra, il che aiuta a proteggere il muso quando pascolano nella neve. I loro nasi sono appositamente progettati per riscaldare l’aria prima che arrivi ai polmoni. In climi estremamente freddi, le renne sono in grado di abbassare la temperatura delle gambe fino a poco sopra lo zero, il che aiuta a evitare di perdere il calore corporeo.

I loro zoccoli sono particolarmente speciali. In estate, quando il terreno è bagnato, i loro cuscinetti sono ammorbiditi, fornendo loro una trazione extra. In inverno, però, i zoccoli sono duri, che viene utilizzato per fornire trazione sulla neve scivolosa e sul ghiaccio.

Alcune sottospecie hanno le ginocchia che fanno un clic quando camminano, così gli animali possono stare insieme in una bufera di neve. Alcuni caribù nordamericani migrano oltre 5.000 chilometri in un anno – più di ogni altro mammifero terrestre.

La renna era uno dei primi animali domestici (circa 2000 anni fa). Ad oggi è una parte essenziale della natura di Sapmi e uno dei segni distintivi del nord. Cambiano il loro pascolo con il cambio delle stagioni, in primavera e in estate restano per lo più in zone paludose e in autunno preferiscono la foresta di abeti rossi. Durante l’estate mangiano fieno, erba e foglie di arbusti. In inverno il lichene e il muschio. Sono essenziali per le popolazioni indigene del nord: la lingua Sami ha circa 400 parole per le renne e prodotti derivati ​​da varie parti dell’animale. Le renne sono elencate come vulnerabili secondo la lista rossa IUCN (International Union for Conservation of Nature) delle specie minacciate. Questo perché la specie ha subito un calo del 40% nel corso del quarto di secolo. I cambiamenti climatici li riguardano in molti modi. Le zanzare, sempre più numerose nel nord, possono essere estremamente fastidiosi per le renne. il riscaldamento del clima cambierà l’accesso delle renne al cibo, così come i modelli di migrazione.

Polarpedia terms are created by EDU-ARCTIC Consortium, which holds responsibility for quality of translations in following languages: Polish, French, Danish, Norwegian, German, Russian, Italian, unless indicated otherwise. If you see an error - please contact us: edukacja@igf.edu.pl.
European Union flag This project (EDU-ARCTIC) has received funding from the European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement No 710240. The content of the website is the sole responsibility of the Consortium and it does not represent the opinion of the European Commission, and the Commission is not responsible for any use that might be made of information contained.
Designed & hosted by American Systems Sp. z o.o.