Other languages:

Cella di Hadley

Il meteorologo inglese George Hadley creò la teoria scientifica della cella di Hadley nel 1735. Le regioni tropicali ricevono più calore dalla radiazione solare di quanto non irradiano nello spazio, e le regioni polari si irradiano più di quanto ricevono. Poiché entrambe le aree hanno temperature quasi costanti, Hadley ha teorizzato che l’aria calda deve quindi salire vicino all’Equatore, fluire verso le altezze e perdere calore per l’aria fredda presente vicino ai poli. La cella di Hadley è un modello di circolazione atmosferica su larga scala nei tropici che produce venti chiamati i venti orientali tropicali e gli alisei, causati dall’aria calda che sale nei tropici e scorre verso i poli e poi si raffredda, scende e scorre verso i equatore.

Il meccanismo sta seguendo: L’aria si separa e inizia a spostarsi verso nord e sud verso i poli. Quando raggiunge circa 30 ° N e 30 ° S, l’aria si raffredda e affonda verso il suolo formando la zona subtropicale di alta pressione. Mentre l’aria scende, diventa più calda e secca. Questo crea un’area di poche nuvole e scarse precipitazioni, quindi il deserto è presente nel paesaggio.

Con l’aumento delle temperature globali, è probabile che la differenza di temperatura tra i poli e l’equatore diminuisca, espandendo la cella di Hadley. Un effetto che questo ha è che le regioni di latitudine media come il Mediterraneo e gli Stati Uniti sud-occidentali sono suscettibili di vedere un aumento della pressione del livello del mare – che corrisponde al clima più secco.

Polarpedia terms are created by EDU-ARCTIC Consortium, which holds responsibility for quality of translations in following languages: Polish, French, Danish, Norwegian, German, Russian, Italian, unless indicated otherwise. If you see an error - please contact us: edukacja@igf.edu.pl.
European Union flag This project (EDU-ARCTIC) has received funding from the European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement No 710240. The content of the website is the sole responsibility of the Consortium and it does not represent the opinion of the European Commission, and the Commission is not responsible for any use that might be made of information contained.
Designed & hosted by American Systems Sp. z o.o.